da domenica 18 ottobre

Emergere, sognare: la nuova “audace” stagione del Teatro Fraschini

Al via la nuova stagione domenica 18 ottobre con Anna Caterina Antonacci in #2021destinazionetauride, studio d’opera di Bruno Taddia

Emergere, sognare: la nuova “audace” stagione del Teatro Fraschini
Pavia, 15 Ottobre 2020 ore 12:49

Il Teatro Fraschini riapre con un’ampia programmazione da ottobre a dicembre  intitolata “Emergere, sognare | ottobre dicembre 2020”, che non si limita a recuperare gli spettacoli sospesi a causa della pandemia, anzi rilancia il ruolo sociale e culturale del “Teatro di tradizione” di Pavia, affiancando ai tradizionali eccellenti spettacoli di opera, musica, prosa e danza, inediti percorsi di arti performative, cinema e lectio magistralis.

Si parte domenica 18 ottobre con #2021destinazionetauride, lo studio d’opera diretto da Bruno Taddia e interpretato dalla stella Anna Caterina Antonacci.
Lo studio, che anticipa la messa in scena dell’Ifigenia in Tauride di Emma Dante rinviata al 2021 per motivi di sicurezza, “scompone” l’opera di Gluck, approfondendo e spiegando gli elementi che la compongono al pubblico. Un viaggio operistico innovativo che inaugura una stagione di grande impegno, che proseguirà con il dramma lirico Werther di Massenet, il singspiel Zaide di Mozart e il recital d’opera La Fanciulla del West di Puccini, coprodotti con i Teatri di OperaLombardia.

La stagione di musica inizierà il 26 ottobre con La Petite Messe Solennelle di Puccini, eseguita dal Coro Ghislieri diretto da Giulio Prandi: uno straordinario progetto in residenza del Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri di Pavia che propone l’esecuzione con strumenti dell’epoca. Ad arricchire il programma ci saranno il Maestro Lonquich e l’Orchestra da Camera di Mantova, Beatrice Rana, oltre a Enrico Dindo e i Solisti di Pavia per il concerto di San Siro e, per capodanno, il viaggio musicale di Mario Incudine sulle note delle canzoni di Domenico Modugno, per una serata da vivere in teatro con la formula del cafè-chantant.

3 foto Sfoglia la gallery

Grandi nomi del panorama italiano anche per la prosa: Umberto Orsini con Il nipote di Wittgenstein di Bernhard, Massimo Popolizio in Furore di Steinbeck adattato da Emanuele Trevi, Emma Dante con il suo Misericordia.
Per il teatro comico vedremo sul palcoscenico gli Oblivion e Antonio Ornano, mentre per la danza debutterà la nuova produzione Teatro Fraschini intitolata Can’t believe the way we flow affidata al ballerino e coreografo pavese Oliviero Bifulco.

Con la rassegna Have no fear il teatro Fraschini inaugura un inedito e suggestivo percorso di arti figurative con grandi artisti quali Alessandro Sciarroni, Silvia Gribaudi, Marco D’Agostin e Collettivo Cinetico.

Il Teatro si trasformerà inoltre in cinema, proiettando i capolavori cinematografici dei festival internazionali Banff e Ocean Film Festival e i capolavori restaurati della Cineteca di Bologna nella rassegna L’arte del grande cinema a teatro

Appuntamento con la grande divulgazione, infine, con le lectio magistralis di Massimo Recalcati, Alessandro Barbero e Vito Mancuso: uno psicoanalista, uno storico e un teologo chiamati a proporre la propria visione e interpretazione sul tema dell’elaborazione della paura.

_____ 

Tutta la programmazione su www.teatrofraschini.it

I biglietti possono essere acquistati online su teatrofraschini.vivaticket.it o in  biglietteria previa prenotazione del turno attraverso l’app gratuita Ufirst

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia