Sponsorizzato

Vacanze sulla neve? Flirt, sci e cioccolate calde

E c'è persino chi, sulle piste, dice di aver fatto l'amore!

Vacanze sulla neve? Flirt, sci e cioccolate calde
Abbiategrasso, 22 Novembre 2019 ore 03:29

Vacanze sulla neve, ci si diverte a ogni età. Ebbene sì, dall’indagine Gente da neve 2019 di Expedia.it, portata a termine su un campione di 1000 italiani di ogni età, emerge che tutti si divertono, anche se in modo diverso.

Vacanze sulla neve, chi sci e chi snowboard

Tra i 18 e i 24 anni l’83% degli intervistati sceglie gli sci, il 46% lo snowboard. Solo dopo i 45 anni queste percentuali cambiano sensibilmente in favore dello sci. Addirittura, oltre il 97% degli ultracinquanticinquenni preferisce gli sci alla tavola. Attenzione però, perché ben il 40% degli appassionati di età compresa tra 25 e 34 anni conferma che sulla neve potrà cimentarsi sia sugli sci, sia sulla tavola.  Farà così anche il 9% di chi ha 55 anni e più, un applauso per loro!

Con il partner, con gli amici o… con i genitori?

Più sei giovane più scegli gli amici: il 46% degli intervistati tra 18 e 24 anni). Più sei anziano più preferisci il partner (il 58% di chi ha tra i 45 e i 54 anni). È  anche vero che più si è giovani, più si va in vacanza con i genitori (il 31% nella fascia 18-24) e c’è un buon 4% dei ragazzi che preferisce andare a sciare da solo.  Infine, ben il 2% dei 35-44enni va in montagna… con i suoceri!

Tolti gli sci, cosa si beve?

Strane le dinamiche degli sciatori che amano riscaldarsi con qualcosa di buono da bere. Dopo una sciata solo 7%  dei 18-24enni dichiara di bere una birra. Il consumo aumenta con l’età fino ai 45-54enni che siedono al tavolo davanti a un buon boccale nel 17% dei casi. Dopo i 55 anni la percentuale crolla incredibilmente al 9%.  Cresce invece proporzionalmente all’età il consumo di cioccolata calda, ordinata dal 29% dei più giovani e dal 43% dei più anziani.

Vacanze sulla neve, divertirsi flirtando…

Il 16% dei 35-44enni ammette di aver flirtato sulle piste. Lo ha fatto anche il 15% dei ragazzi dai 18 ai 25 anni e il 14% dei 25-34enni. Non solo, l’11% dei ragazzi da 18 a 25 anni ammette persino di essersi spogliato sulle piste e di essersi concesso un momento di intimitàcol partner!

Sì, ma dove si va?

Dall’indagine emerge un orientamento prevalente in tutte le fasce d’età. Ci si reca infatti preferibilmente nelle località a tre-cinque ore di distanza. Da 18 a più di 55 anni tutti i vacanzieri d’inverno, pertanto, propendono per località turistiche a media distanza e facilmente raggiungibili in automobile!

La parola all’esperto

“Nelle regioni del Nord-Ovest gli sciatori sono fortunati perché possono decidere di concedersi una giornata sugli sci anche all’ultimo secondo. È però vero che se l’intenzione è quella di andare a sciare più volte all’anno, prenotare una notte in hotel potrebbe essere una buona idea. Non solo per godersi al meglio le serate nelle località montane, ma anche per evitarsi lo stress delle file in autostrada al rientro e investire di più nel vivere al massimo il break dalla routine quotidiana, invece che in benzina. E poi, una serata in rifugio e poter inforcare gli sci subito dopo colazione sulla neve appena battuta, non ha davvero prezzo” ha dichiarato Michele Maschio di Expedia.it

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia