CULTURA

I musei da visitare gratis in provincia di Pavia domenica 2 giugno 2024

Nel fine settimana torna "Domenica al museo", l'iniziativa promossa dal Ministero della Cultura

I musei da visitare gratis in provincia di Pavia domenica 2 giugno 2024
Pubblicato:
Aggiornato:

Il Ministero della Cultura ha comunicato in data 30 maggio 2024 che, anche nella Giornata in cui si celebra la Festa della Repubblica, domenica 2 giugno 2024, è prevista comunque l’iniziativa denominata #domenicalmuseo, che consente l’ingresso gratuito ogni prima domenica del mese, nei musei e nei parchi archeologici statali.

#domenicaalmuseo

Anche a giugno, quindi, e precisamente domenica 2, torna l'iniziativa "Domenica al Museo" promossa dal Ministero della Cultura.  Le visite si svolgeranno nei consueti orari di apertura, con accesso su prenotazione, dove previsto. Lo scorso appuntamento, domenica 5 maggio l’affluenza registrata è stata di 382.775 persone.

2 Giugno 2024 - Domenica al Museo

Il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha dichiarato:

"I musei e i parchi archeologici statali saranno aperti gratuitamente nella giornata del 2 giugno. Si tratta di una scelta attraverso la quale vogliamo celebrare la Repubblica e i valori di coesione nazionale mettendo al centro il nostro patrimonio culturale, uno dei caratteri distintivi dell'Italia. Ho voluto fortemente aprire gratuitamente i nostri siti museali in giornate dall’alto valore simbolico come il 25 aprile, il 2 giugno e il 4 novembre. Prima non era così. E, stando ai dati di affluenza registrati in queste giornate, l'iniziativa è stata apprezzata”.

Scopriamo insieme quelli che aderiscono all'iniziativa in provincia di Pavia.

I musei da visitare gratis a Pavia

Tra i tanti musei della Lombardia che si potranno visitare gratuitamente domenica 2 giugno 2024, in provincia di Pavia ci sono, come sempre, il Complesso Monumentale e il Museo della Certosa di Pavia, il Museo archeologico nazionale della Lomellina a Vigevano ma anche il Museo Archeologico di Casteggio e dell'Oltrepò Pavese a Casteggio.

Il museo della Certosa

Certosa di Pavia ingresso museo

Il Museo della Certosa mostra opere d’arte dalla Certosa di Pavia, inclusi affreschi trecenteschi, dipinti di Luini e altri artisti, sculture rinascimentali e una collezione di gessi ottocenteschi che riproducono dettagli architettonici. Tra le opere in mostra c’è lo Studiolo Ducale, affrescato con motivi romani.

L'edificio, modificato nel 1625 da un intervento in facciata dell'architetto Francesco Maria Richini, presenta una successione lineare di finestre tra semicolonne che conferiscono eleganza e luminosità all'intera struttura. La prima idea per la costituzione di un Museo della Certosa venne lanciata al Ministero della Pubblica Istruzione nel 1883 dall'architetto milanese Tito Vespasiano Paravicini, noto autore di libri di architettura rinascimentale lombarda, che eseguì un primo rilievo accurato della facciata certosina.

La realizzazione vera e propria del Museo (su due piani) si deve a Luca Beltrami, Direttore dell'Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti in Lombardia dal 1891 e che sin dal 1892, aveva fatto realizzare un primo nucleo di museo, con le sculture del Bambaia, la serie di disegni per la facciata della Certosa, l'Ecce Homo da Bramantino, e un primo gruppo di calchi realizzati da Pietro e Edoardo Pierrotti nella seconda metà XIX secolo, derivati dai capolavori rinascimentali della facciata, da capitelli e lesene dei chiostri.

Il Museo fu aperto al pubblico la prima volta nel 1911, per poi rimanere chiuso per più di mezzo secolo. La gipsoteca che raccoglie più di 200 calchi di grande e piccola dimensione è un unicum non solo in Lombardia, ma anche nel panorama italiano.

Fino al mese di Agosto 2024, gli orari di accesso alla Chiesa della Certosa di Pavia seguono i seguenti orari: Ingresso mattino dalle ore 9.00 alle 11:30; Ingresso pomeriggio: dalle 14:30 alle 18:00. Dalle 11:30 alle 14:30 le visite sono sospese e non c’è la possibilità di entrare nel complesso. Si ricorda di mantenere un abbigliamento decoroso adatto ad una chiesa nella quale gli animali non sono ammessi e non è possibile scattare fotografie senza il preciso permesso da parte dei Monaci cistercensi che gestiscono il complesso monumentale. Gli orari del Museo della Certosa di Pavia coincidono quasi con quelli di visita del Monumento. Per maggiori informazioni si può telefonare allo 0382.924990 o tramite mail a drm-lom.mucertosadipavia@cultura.gov.it.

Museo archeologico nazionale della Lomellina

Museo Archeologico Lomellina

Aperto nel 1998, il Museo Archeologico Nazionale della Lomellina è collocato all’interno del Castello visconteo sforzesco di Vigevano. Raccoglie le testimonianze archeologiche provenienti da scavi o recuperi occasionali nella zona. Il percorso museale, ordinato cronologicamente, si articola in quattro sale a esposizione permanente e in uno spazio mostre.

La prima sala raccoglie le testimonianze di epoca preistorica e protostorica, dal Mesolitico alla cultura tardo La Tène (dal V millennio a. C. al II secolo a.C.).

Nella seconda sono esposti alcuni corredi funerari di età romana (dalla metà del I secolo a. C. alla fine del II d.C.) mentre nella terza sono illustrati alcuni aspetti della vita quotidiana in epoca romana.

La quarta sala ospita i reperti di età tardoantica e altomedievale (III-IX secolo d.C.). La Lomellina è un territorio archeologicamente ricco e culturalmente ben definito. I rinvenimenti, per lo più casuali, si ricollegano a opere di sfruttamento intensivo del territorio, in particolare ai livellamenti di terreno per la creazione di risaie.

Mentre per l’epoca preistorica le tracce di popolamento sono scarse e sporadiche, la documentazione diventa progressivamente più abbondante per le successive età del Bronzo e del Ferro, in cui si afferma la cultura celtica, e soprattutto per l’età romana, mentre diminuisce per l’epoca tardoantica e altomedievale. Fra i reperti più significativi si segnala in particolare - per la raffinatezza delle forme e la piacevolezza dei colori - il vasellame in vetro, presente in abbondanza nei corredi funerari romani.

Per maggiori informazioni si può telefonare allo 0381.72940 o inviare un e-mail a drm-lom.archeovigevano@cultura.gov.it.

Museo Archeologico di Casteggio e dell'Oltrepò Pavese

Museo Archeologico di Casteggio

Il Civico Museo Archeologico di Casteggio e dell’Oltrepò Pavese è nato nel 1974, per volontà di un gruppo di appassionati locali e dell’Amministrazione Comunale, dopo l’importante ritrovamento di due tombe romane in via Torino. Il Museo attuale è frutto di un ulteriore ampliamento, reso possibile dal completamento del restauro del Palazzo Certosa nel 1999. Grazie ad una nuova convenzione stipulata tra Comune di Casteggio e Soprintendenza Archeologica della Lombardia, è stato possibile acquisire il materiale proveniente dagli scavi più recenti effettuati nell’Oltrepo Pavese. Il Museo è costituito da quattro sezioni: la geologia e la paleontologia, la preistoria e la protostoria, l’età romana, tardo antica e medievale, le collezioni.

Il Museo Archeologico di Casteggio si trova in via Circonvallazione Cantù 62 - Tel. 0383 83941 - info@museocasteggio.it

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali