Giornate FAI di primavera 2019: la Quadreria dell’Ospedale di Vigevano

Sabato 23 e domenica 24 marzo apertura straordinaria al pubblico.

Giornate FAI di primavera 2019: la Quadreria dell’Ospedale di Vigevano
Vigevano, 22 Marzo 2019 ore 08:17

Giornate FAI di primavera 2019: la Quadreria dell’Ospedale di Vigevano sarà aperta al pubblico nelle giornate di sabato 23 e domenica 24 marzo.

Giornate FAI di primavera 2019

Porte aperte, sabato 23 e domenica 24 marzo 2019, alla Quadreria dell‟Ospedale Civile di Vigevano in occasione delle due “Giornate Fai di Primavera”. L‟ASST di Pavia ha accolto con piacere la richiesta della Delegazione pavese del Fondo Ambiente Italiano, organizzatrice delle visite guidate, per consentire al pubblico di apprezzare una collezione che accompagna la storia della città degli ultimi 500 anni. L‟iniziativa gode del patrocinio di Regione Lombardia e Comune di Vigevano.

Gli orari delle visite

Le visite guidate saranno a cura degli apprendisti Ciceroni del Liceo Classico “Cairoli” di Vigevano, anche in lingua inglese in questi orari:
– Sabato 23 marzo: 14:30 – 18:00 (ultimo ingresso 17:00)
– Domenica 24 marzo: 10:00 – 18:00 (ultimo ingresso 17:00)
in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell’orario di chiusura indicato.

La Quadreria

La Quadreria rappresenta uno dei 1100 luoghi aperti eccezionalmente dal FAI per promuovere il patrimonio culturale italiano. Raccoglie varie opere antiche, tra cui i cinquecenteschi frammenti dell’Ancona dell’Immacolata e il Polittico della Visitazione (datato 1503), opere di Camillo Procaccini e Bernardino Ferrari, ritratti di sovrani e di benefattori spesso dipinti da quotati pittori vigevanesi dell’epoca, quali Giovan Battista Garberini e Luigi Bocca, oltre a dipinti di soggetti sacri e profani, sculture ed arredi.

Si tratta di una collezione di opere d‟arte di tutto rispetto, commissionate o donate ai primi antichi istituti di assistenza e di carità e, a partire dal XVIII secolo, all‟Ospedale Civile di Vigevano che in seguito si è occupato gelosamente della conservazione del patrimonio artistico ricevuto in eredità dagli enti predecessori e del trasferimento nell‟attuale sede ospedaliera, avvenuto nel 1911.

Nel 1976 la collezione è stata catalogata dalla Soprintendenza alle Belle Arti di Milano. Negli anni ‟80 le opere più importanti e compromesse sono state oggetto di restauro e a metà degli anni „90 del secolo scorso la collezione è stata trasferita dalla Sala del Consiglio alla attuale sede.

La storia della Quadreria accompagna l’evoluzione del sistema di assistenza vigevanese avviato alla fine del 1400 e sfociato nel 1768 nella fondazione dell‟Ospedale di Vigevano, sorto dalla fusione di più enti: i tre ospedali di S. Marta, dell‟Immacolata e del SS. Sacramento, la Spezieria della Concezione, la Casa della Carità, il Monte di Pietà e l‟Orfanotrofio.

La Quadreria testimonia la storia della comunità. La raccolta è particolarmente preziosa in quanto vi sono confluite opere legate alle antiche fondazioni assistenziali in un contesto geografico, sociale ed economico a partire dalla fine del 1400.

(Foto FAI – Fondo Ambiente Italiano)

LEGGI ANCHE: Giornate FAI Oltrepò Pavese, ecco i meravigliosi itinerari

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia