Fisiche e morali

Violenze continue nei confronti della ex: per un 47enne si aprono le porte del carcere

L'uomo è stato rintracciato a casa della sorella dove stava già scontando gli arresti domiciliari.

Violenze continue nei confronti della ex: per un 47enne si aprono le porte del carcere
Pavia, 12 Ottobre 2020 ore 10:52

Alle prime ore del mattino di domenica 11 ottobre 2020 la Polizia di Stato di Pavia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un cittadino italiano, P.V. 47enne residente a Rho (MI), per maltrattamenti nei confronti della sua ex convivente.

La chiamata alla Polizia

Intorno alle ore 2:30 è pervenuta alla Sala Operativa della Questura una richiesta di intervento da parte di una donna residente nella zona di viale Partigiani, la quale ha riferito di aver litigato con la figlia. Giunto sul posto, personale dell’U.P.G.S.P., dopo aver riappacificato le parti, ha appreso che la richiedente, dal mese di maggio 2020, ospitava nel suo appartamento il fratello (estraneo alla lite) sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

Quest’ultimo, già in diverse occasioni, aveva violato le misure impostegli e, alla fine di settembre, non era risultato presente ad un controllo domiciliare. Temendo di essere arrestato, l’uomo si era quindi allontanato prima dell’arrivo della Polizia.

La misura cautelare in carcere

Dalla immediata attività di accertamento è emerso che effettivamente a carico del P.V. pendeva un’ordinanza di aggravamento degli arresti domiciliari con la misura cautelare della custodia in carcere emessa dall’Ufficio del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Milano in data 01.10.2020.

La ricerca dell’uomo

Gli operatori si sono dunque posti tempestivamente alla ricerca dell’uomo, del quale però inizialmente non vi era alcuna traccia. Gli appostamenti presso l’abitazione del suddetto nucleo familiare sono proseguiti per tutta la notte, fino a quando, poco dopo le ore 6, gli operanti hanno notato dei movimenti sospetti nei pressi dei due ingressi dello stabile.
In considerazione delle scarse condizioni di visibilità, gli stessi hanno atteso qualche minuto prima di salire in casa.

Arrestato e portato in carcere

Ad accoglierli vi era nuovamente la sorella che, alla richiesta di informazioni circa il fratello datosi precedentemente alla fuga, è apparsa evasiva. Gli Agenti hanno quindi effettuato un controllo all’interno dell’appartamento e nella camera da letto hanno trovato il P.V. intento a dormire. Lo stesso è stato dichiarato in arresto in esecuzione della misura cautelare pendente e, ultimate le incombenze di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Pavia, a disposizione dell’A.G.

Il P.V. è chiamato a rispondere di plurimi episodi di maltrattamenti consistiti in violenze fisiche e morali ai danni della ex convivente (invalida civile), perpetrate nel periodo compreso tra il 2015 e gli inizi di gennaio 2020.

Serve alcolici a una ragazzina di 15 anni: bar del centro chiuso per due settimane

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia