Uno studio sui nuovi trattamenti dell’arresto cardiaco

Domani, mercoledì 30 gennaio, se ne parla al DEA.

Uno studio sui nuovi trattamenti dell’arresto cardiaco
Pavia, 29 Gennaio 2019 ore 11:37

Arresto cardiaco: domani al DEA un importante evento divulgativo sul tema del blocco anestetico del ganglio stellato, il nucleo nervoso principale per l’innervazione cardiaca che può generare aritmie.

LEGGI ANCHE: Sconfiggere il cancro: sfida possibile? A Pavia l’HealthTech World Cancer Day 2019

Arresto cardiaco, domani se ne parla al DEA

Importante evento divulgativo, domani 30 gennaio 2019, dedicato alle nuove metodiche per il trattamento dell’arresto cardiaco. Con inizio alle 15.00, presso l’Aula 2 del DEA (al primo piano) si affronterà il tema del blocco anestetico del ganglio stellato, il nucleo nervoso principale per l’innervazione cardiaca che può generare aritmie.

Il Policlinico da anni studia gli effetti dell’asportazione chirurgica del ganglio nei pazienti sia con aritmia cardiaca ereditaria sia con cardiopatia strutturale: i risultati, ad oggi, sono stati ottimi.

“Oltre che per via chirurgica – spiega Alessandra Palo, responsabile del servizio territoriale del 118, l’AAT- il ganglio stellato può essere però bloccato, con iniezione anestetica, anche per via percutanea: vale la pena ricordare che tale tecnica è in uso da molto tempo nell’ambito della terapia del dolore”.

LEGGI ANCHE: Espianto multiplo in Brianza, due donne salvano la vita ad undici pazienti

Trattati 5 pazienti

L’adozione di tale metodica è limitato, attualmente, a contesti intraospedalieri. Il San Matteo è stata il primo centro in Italia a documentarne l’efficacia: attualmente sono stati trattati 5 pazienti, senza complicanze.

“Tuttavia – aggiunge Alessandra Palo- data la scarsità di casi intraospedalieri e considerata l’elevata percentuale di arresti cardiaci in ambito extra ospedaliero, abbiamo disegnato il primo studio prospettico (STUDIO LIVE), per valutare l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato in ambiente extra ospedaliero nei pazienti con arresto cardiaco”.

Lo studio nasce al San Matteo dall’attiva collaborazione tra la Divisione di Cardiologia/UTIC, l’AREU ed in particolare AAT Pavia e la Struttura Formazione.

LEGGI ANCHE: Endoscopia digestiva, il San Matteo centro di eccellenza

Formazione pratica

L’evento di domani, squisitamente divulgativo, è destinato a medici, tecnici e infermieri. Seguirà nelle prossime settimane un training formativo di tutto il personale coinvolto. E’ prevista anche una formazione pratica sul campo, durante la quale sarà possibile esercitarsi su un modello tridimensionale del collo realizzato con il supporto degli ingegneri del Laboratorio 3D del San Matteo e con la collaborazione della Radiologia.

“La ricerca, autorizzata dal Comitato Etico, ha potenziali ricadute pratiche rilevanti – conclude la responsabile del 118 pavese - in termini, soprattutto, di miglioramento dell’outcome dei pazienti con arresto cardiaco pre ospedaliero”.

LEGGI ANCHE: L’inattività fisica raddoppia il rischio di arresto cardiaco in caso di infarto

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Seguici sui nostri canali