Cronaca
E' un 28enne albanese

Sparatoria in corso Strada Nuova, arrestato in Albania il responsabile

Dovrà rispondere di tentato omicidio.

Sparatoria in corso Strada Nuova, arrestato in Albania il responsabile
Cronaca Pavia, 11 Marzo 2022 ore 18:17

Sparatoria in corso Strada Nuova in data 19 febbraio 2022: arrestato in Albania il presunto responsabile, si tratta di un 28enne di nazionalità albanese.

Sparatoria in Strada Nuova, arrestato in Albania il responsabile

Nel tardo pomeriggio del giorno 9 marzo 2022, nella città di Lczhe; in Albania, è stato tratto in arresto il soggetto ritenuto responsabile della sparatoria avvenuta nella serata del giorno 19 febbraio 2022, in pieno centro a Pavia, in Corso Strada Nuova.

Markvukaj Agusti, 28 anni, originario della stessa città dove è stato catturato, è stato fermato in esecuzione dell'ordinanza applicativa della misura cautelare personale della custodia in carcere emessa nei suoi confronti dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Pavia già in data 25 febbraio 2022, con riferimento al reato di tentato omicidio commesso ai danni di Zefj lglijan, anch'egli di nazionalità albanese e ancora nemmeno ventenne.

Il mandato di arresto europeo

Al fine di dare esecuzione al predetto provvedimento cautelare, erano stati emessi nei confronti della persona ricercata sia un Mandato di Arresto Europeo, volto all'eventuale localizzazione all' interno di uno dei Paesi membri dell'Unione Europea, sia una richiesta di ricerche internazionali, volta all'eventuale esecuzione dell'arresto presso Paesi Terzi.

Le indagini

La velocità con cui è stato conseguito l' attuale risultato è stata determinata non solo dall'efficace attività di indagine compiuta dalla Squadra Mobile della Questura di Pavia ma anche dalla proficua interazione intercorsa con il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia e con l'Ufficio dell'Esperto per la Sicurezza in Albania che, coordinandosi con le Autorità di Polizia Albanesi, hanno condotto alla pronta localizzazione del fuggitivo, che aveva lasciato il territorio italiano poco dopo la commissione del fatto.

L'attività di indagine è stata compiuta tramite presidi tecnici che hanno appunto consentito il rintraccio dell'indagato in territorio albanese: costui, dopo essersi inizialmente nascosto nei pressi di Desenzano del Garda, è riuscito a guadagnare l'accesso in Albania tramite autobus, in data 21 febbraio 2022.

L'attenta analisi compiuta dalla Polizia di Stato con riferimento sia ai filmati di video-sorveglianza che ai dati del traffico telefonico ha sostanzialmente consentito agli operanti di tracciare i movimenti del ricercato pressoché in tempo reale, mantenendo controllati sin dall'inizio i suoi spostamenti fino alla percezione della certezza di poter dare corso all'arresto senza ulteriori rischi per la collettività e per l'indagato stesso, il quale ben avrebbe potuto essere ancora armato.

Il procedimento penale proseguirà non solo al fine di individuare eventuali concorrenti e di fare completamente luce sul decorso dei fatti, ma anche allo scopo di trarre definitiva conferma degli addebiti allo stato mossi nei confronti dell'indagato.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter