Michela Allevi membro della Piattaforma Italiana del Fosforo

L’imprenditrice: “Sostanza non rinnovabile ed in esaurimento, l’utilizzo di fanghi in agricoltura è un’importante forma di recupero”.

Michela Allevi membro della Piattaforma Italiana del Fosforo
Lomellina, 30 Dicembre 2019 ore 07:48

Michela Allevi membro della Piattaforma Italiana del Fosforo su incarico del Ministero dell’Ambiente. L’imprenditrice: “Sostanza non rinnovabile ed in esaurimento, l’utilizzo di fanghi in agricoltura è un’importante forma di recupero”.

Michela Allevi membro della Piattaforma Italiana del Fosforo

L’imprenditrice lomellina Michela Allevi dell’omonima Azienda Agricola di Ferrera Erbognone, realtà che recupera e tratta fanghi biologici di depurazione, è entrata a far parte della Piattaforma Italiana del Fosforo promossa dal Ministero dell’Ambiente.

“Sono orgogliosa di far parte di questo importante tavolo di lavoro – spiega Michela Allevi – il cui obiettivo è dettare le basi per un piano di sostenibilità a lungo termine che vuole far fronte ad una problematica particolarmente avvertita dal Ministero stesso e diversi Enti e stakeholders: quella della non rinnovabilità del fosforo, sostanza ampiamente utilizzata come fertilizzante in agricoltura. Oggi sono seduta al tavolo di questa piattaforma nel gruppo di lavoro Normativa e nel gruppo di lavoro Mercato”.

Il Ministero dell’Ambiente ha promosso la nascita della piattaforma con l’obiettivo di raggiungere l’autosufficienza su questa materia prima strategica in agricoltura e definita critica dalla Commissione Europea.

“Il nostro Paese – spiega l’imprenditrice reduce dalla sua presenza a Roma – è quasi totalmente dipendente dall’importazione da Paesi esteri. La Piattaforma, gestita dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico (ENEA), riunisce tutti gli stakeholder italiani attivi in tutte le fasi del ciclo di vita del fosforo e ha il compito di individuare tecnologie, buone pratiche esistenti e strategie per la chiusura del ciclo su questa materia prima, fino all’elaborazione di un piano di sostenibilità e lungo termine”.

Rinnovabilità del fosforo

A preoccupare è la non rinnovabilità del fosforo. “Proprio così – spiega Michela Allevi – A Roma stiamo discutendo anche sul caro costi di questa materia prima dettato principalmente dal fatto che l’Italia dipende totalmente da Stati esteri e che la stessa materia è in fase di esaurimento, per questo c’è molta attenzione sulla possibilità di recuperare questo elemento da fonti alternativa quali i rifiuti. Il fosforo è contenuto in discrete quantità nelle acque reflue avviate agli impianti di depurazione, motivo per cui i fanghi biologici derivanti dal trattamento di depurazione delle acque sono ricchi di questo elemento. Il fosforo è un elemento quanto mai prezioso per le coltivazioni ed è fondamentale ricordare che la prima e meno onerosa forma di recupero agricolo di questo nutriente avviene proprio tramite l’utilizzo in pieno campo di fertilizzanti quali i fanghi biologici di depurazione, gessi di defecazione da fanghi e compost da fanghi”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia