Litiga con la sorella e le distrugge i mobili, poi si scaglia contro i carabinieri: arrestato

Un militare, intervenuto per difendere la donna, ha rimediato un pugno al volto.

Litiga con la sorella e le distrugge i mobili, poi si scaglia contro i carabinieri: arrestato
Vigevano, 12 Marzo 2019 ore 11:06

Litiga con la sorella e le distrugge mobili. Non contento si scaglia contro i militari intervenuti per difendere la donna e finisce in manette.

Arrestato tunisino

Nella serata del 10 marzo scorso, a Vigevano, i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia hanno tratto in arresto per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni a pubblico ufficiale e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale N.C., trentenne nato in Tunisia, residente a Milano e di fatto domiciliato a Vigevano, celibe, pregiudicato.

La lite con la sorella

I militari, nel corso di un servizio di controllo del territorio, erano stati contattati per intervenire al fine di sedare una lite per futili motivi tra il predetto e la propria sorella cinquantaduenne, durante la quale lo stesso, nella furia, aveva anche danneggiato i mobili di casa della donna. Giunti sul posto, tuttavia, alla vista dei militari il tunisino, che stava tentando di scappare su una bicicletta, è andato in escandescenza cominciando ad inveire nei loro confronti.

Il pugno al carabiniere

I carabinieri hanno tentato invano di riportarlo alla calma fino a che lo stesso, in un clima di crescente tensione e scontro, non si è scagliato contro uno di loro colpendolo con un pugno al volto, venendo tuttavia nell’immediatezza immobilizzato, ammanettato e arrestato.

L’uomo, ieri mattina, è stato sottoposto presso il Tribunale di Pavia al giudizio direttissimo, che ne ha convalidato l’arresto. Il tunisino ha poi patteggiato un anno e un mese e mezzo di reclusione.

LEGGI ANCHE: Salame contaminato, l’allerta del ministero della Salute

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia