Vigevano

Lite tra madre e figlio degenera: lei impugna un coltello e minaccia di colpirlo

A calmare gli animi sono dovuti intervenire i carabinieri.

Lite tra madre e figlio degenera: lei impugna un coltello e minaccia di colpirlo
Cronaca Vigevano, 02 Gennaio 2021 ore 15:54

A Vigevano liti familiari degenerate causano l’intervento dei Carabinieri per ben due volte: denunciati una donna di 38 anni e il figlio 21enne.

Liti e dissidi in famiglia

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Vigevano sono stati impegnati, durante tutto il pomeriggio e parte della serata del 1° giorno del 2021 a sedare liti e dissidi in una famiglia residente in via Bolivia a Vigevano.

Aggredisce il figlio con un coltello

A causa di dissidi dovuti a motivi di natura economica i militari, in un primo momento, sono intervenuti nel tardo pomeriggio, presso l’abitazione di una famiglia italiana, nel tentativo di riportare la calma tra la madre 38enne e il figlio pregiudicato 21enne. A causa dei reiterati comportamenti di quest’ultimo la donna, presa da un raptus, alla presenza dei Carabinieri, si è impossessata di un coltello da cucina minacciando il giovane. Grazie al rapido intervento dei militari, è stata bloccata e riportata alla calma, impedendole di provocare danni fisici al ragazzo e convinta a consegnare l’arma ai tutori dell’ordine. La donna è stata denunciata in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria pavese per il reato di minaccia aggravata ed il coltello posto sotto sequestro.

Il secondo intervento

Nella serata una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia di Vigevano è intervenuta nuovamente presso il medesimo condominio dove, questa volta il citato pregiudicato 21enne, aveva danneggiato con una catena l’autovettura di un vicino di casa, sempre per motivi di natura economica.

Il giovane immediatamente rintracciato è stato trovato in possesso della catena usata per il danneggiamento, oltre che di un coltello a serramanico. Gli oggetti sono stati sottoposti a sequestro e il 21enne denunciato in stato di libertà all’A.G. pavese per i reati di danneggiamento e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere.

Salgono a otto i cani folgorati (5 morti) dalla corrente dei tombini

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità