Prelievo di organi e tessuti: team del San Matteo di Pavia in trasferta al San Paolo di Milano

L’unione fa la forza (e la speranza): la collaborazione degli ospedali al servizio della vita e del dono.

Prelievo di organi e tessuti: team del San Matteo di Pavia in trasferta al San Paolo di Milano
Pavia, 14 Ottobre 2019 ore 13:17

L’unione fa la forza (e la speranza): collaborazione tra Policlinico San Matteo di Pavia e Ospedale San Paolo di Milano al servizio della vita e del dono.

Team del San Matteo di Pavia al San Paolo di Milano per un prelievo di organi e tessuti

Si consolida la sinergia tra due grandi aziende sanitarie ospedaliere, l’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano e la Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, nuovamente insieme per effettuare un prelievo di organi e tessuti da una paziente deceduta in seguito ad arresto cardiaco.

LEGGI ANCHE>> A cuore fermo per “donare” nuove vite: team del San Matteo esegue espianto di fegato e reni

L’Ospedale San Paolo, come già fatto in precedenza, ha contattato il Policlinico San Matteo di Pavia: centro di riferimento per l’ECMO, la circolazione extracorporea, una tecnica utilizzata sia per trattare patologie gravissime di cuore e polmoni, che per la conservazione degli organi addominali dopo la morte per arresto cardiaco irreversibile in previsione di eventuale trapianto.

La dott.ssa Maria Adele Figini, Coordinatore Locale Trapianti ha quindi applicato i protocolli per l’identificazione del paziente come possibile donatore attraverso le linee guida del Centro Nazionale Trapianti e, avuta l’autorizzazione del Nord Italia Transplant program (NipT), alla paziente donatrice, ormai a cuore fermo (classe Maastricht III) è stata attuata una perfusione normo termica regionale addominale grazie all’intervento della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, che ha  prontamente attivato e messo a disposizione “ECMO Team”, un’équipe composta dal coordinamento locale trapianti, un cardiochirurgo, un perfusionista e tutte le strumentazioni per poter attuare la volontà donativa della paziente una volta deceduta.

Tecnica innovativa

Questo tipo di procedura è altamente innovativa e l’ASST Santi Paolo e Carlo è il primo ospedale in Italia ad averla attuata attraverso l’intervento di un team esterno, per la prima volta proprio quest’anno. Il Coordinamento Regionale Trapianti ha seguito e coadiuvato le operazioni di allocazione degli organi.

Anche il Servizio di Psicologia dell’ASST Santi Paolo e Carlo ha avuto un ruolo attivo nel processo di donazione, garantendo un aiuto psicologico ai familiari del donatore e supportando le comunicazioni difficili.

Una nuova speranza di vita

Grazie alla generosità del donatore, allo straordinario lavoro della équipe di Terapia Intensiva e di sala operatoria e alla preziosa collaborazione tra i due ospedali sono stati trapiantati il fegato ed un rene, rendendo possibile per i riceventi del Policlinico di Milano e del Policlinico di Pavia, una nuova speranza di vita.

Non solo prelievo di organi ma anche tessuti: cute destinata alla CCR innesti cutanee del Niguarda di Milano e le cornee alla Banca degli Occhi di Monza.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Pavia e provincia Eventi&News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale GiornalediPavia.it: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia