Menu
Cerca
Refurtiva recuperata

Inseguimento dopo il furto di vestiti: arrestata coppia di sinti

I due, entrambi 35enni, sono stati bloccati a Garlasco: con loro anche un minore di 17 anni.

Inseguimento dopo il furto di vestiti: arrestata coppia di sinti
Cronaca Lomellina, 11 Giugno 2020 ore 15:45

Nella serata del ieri 10 giugno 2020, i carabinieri della Stazione di Garlasco hanno tratto in arresto per il reato di furto aggravato in concorso C.A., trentacinquenne nato a Nizza Monferrato (AT) e C.P., trentacinquenne nata a Lodi, entrambi sinti disoccupati e pluripregiudicati residenti nel campo nomadi di Piazzale Europa di Pavia.

Il furto di vestiti

I due, nel pomeriggio dello stesso giorno, dopo aver sottratto alcuni capi di abbigliamento per un valore ammontante a circa 500 euro nel negozio di abbigliamento “Lazzaroni” di via Leonardo Da Vinci a Garlasco, si sono dati a immediata fuga a bordo della loro auto Fiat Uno.

Inseguiti e bloccati

Ma non avevano fatto i conti con la presenza di una pattuglia di carabinieri della Stazione di Garlasco, che si trovava nelle vicinanze in servizio perlustrativo per il controllo del territorio, e che, allertata telefonicamente dal proprietario del negozio che aveva chiamato in caserma, dopo averla intercettata e seguita a vista per un breve tratto, per non rischiare di causare incidenti a causa dell’alto volume di traffico presente al momento, li bloccava nel comune di Villanova d’Ardenghi (PV).

La refurtiva

Sottoposti a perquisizione i due sono stati trovati in possesso dei capi di abbigliamento asportati, che sono stati restituiti agli aventi diritto, nonchè di un profumo Chanel e due videogiochi PS4, verosimilmente provento di altri furti.

I militari hanno scoperto nell’occasione che la borsa utilizzata per l’attività criminosa era stata appositamente schermata con carta stagnola per eludere astutamente il dispositivo di antitaccheggio ed è stata quindi sottoposta a sequestro insieme al profumo e ai videogiochi, per i quali sono in corso gli accertamenti per scoprirne la provenienza.

Con loro anche un minore

Sia durante il furto che nel breve inseguimento i due sono stati assistiti da un minore incensurato nato a Pavia di anni diciassette, con essi domiciliato, che è stato deferito in stato di libertà per la partecipazione al crimine. La sua presenza è stata pertanto valutata come circostanza aggravante per i due sinti.

Gli arrestati sono stati trattenuti nella camera di sicurezza della caserma della Compagnia di Vigevano in attesa del rito per direttissima disposto dall’Autorità Giudiziaria.

TORNA ALLA HOME