Medicina dello sport

Il Premio Quarenghi al professore pavese Mario Ireneo Sturla

Uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello internazionale nel campo della medicina sportiva.

Il Premio Quarenghi al professore pavese Mario Ireneo Sturla
Pavia, 09 Ottobre 2020 ore 17:06

Il Premio Quarenghi 2020 assegnato al professore pavese Mario Ireneo Sturla, 72 anni, medico sportivo lombardo.

Il Premio Quarenghi al professore pavese Mario Ireneo Sturla

L’edizione 2020 del premio dedicato alla memoria di Angelo Quarenghi, storico medico della grande Inter di Herrera, uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello internazionale nel campo della medicina sportiva, è stato assegnato al professore Mario Ireneo Sturla, medico sportivo lombardo che da anni svolge la sua attività nel settore.

Il professor Sturla

Pavese di 72 anni, il professore Sturla è una delle principali autorità nel settore a livello mondiale e può essere assolutamente fiero di essere stato premiato e applaudito all’Hotel Bigio di San Pellegrino Terme (BG) davanti a una platea composta da campioni dello sport del calibro di Gianni Bugno, Evgenij Berzin, Ivan Gotti, Emanuele Bombini e Luca Colombo se guardiamo al ciclismo, ma anche Stefania Bianchini, Andrea Sarritzu, Enzo Gigliotti e Massimo Bugada se parliamo di pugilato.

Due sport che non rappresentano solamente le sue più grandi passioni ma anche le principali “materie” di competenza di questa eccellenza lombarda, che ha collaborato con tantissime stelle del pianeta sport, svariando tra le più disparate discipline.

Non solo la consegna di un riconoscimento, quindi, ma un momento importantissimo per la medicina dello sport lombarda ma non solo, a cui ovviamente ha partecipato anche il CONI, nelle persone di Lara Mangoni come rappresentante provinciale e Oreste Perri a livello regionale.

L’Università di Pavia partecipa a spedizione Italo-Russa: terremoti e vulcani sulla rotta degli iceberg

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia