Estorsioni online a luci rosse: arrestato 43enne

Si celava dietro falsi profili femminili e inoculava virus nei loro pc. Accertati 21 casi tra Pavia e Milano.

Estorsioni online a luci rosse: arrestato 43enne
Pavia, 29 Gennaio 2019 ore 10:25

Estorsioni online a luci rosse: arrestato un uomo di 43 anni, originario di Trieste che spacciandosi per una donna inoculava virus nei pc delle vittime per carpirne dati sensibili. Accertati 21 casi tra Pavia e Milano.

Estorsioni online a luci rosse: arrestato 43enne

Gli investigatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno arrestato un cittadino italiano 43enne, per accesso abusivo a sistema informatico e sextortion online ai danni di numerose vittime italiane. Il cyber criminale è accusato di aver colpito 21 volte tra Pavia a Milano, ma sono 400 le potenziali vittime in tutta Italia.

Indagini durate un anno

Le indagini sono state condotte per oltre un anno dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Lombardia. In pratica l’arrestato, utilizzando profili social falsi, in particolare femminili, e dopo aver studiato il profilo della vittima, esaminandone gusti, abitudini e stili di vita, entrava in contatto con uomini tra i 30 e i 50 anni e mediante l’invio di foto accattivanti con le quali in realtà inoculava un virus nei pc per poter entrare in possesso dei dispositivi informatici, trafugando documenti e files multimediali compromettenti. Dietro minaccia della loro pubblicazione nei servizi della rete internet, sarebbe riuscito a obbligare le vittime al pagamento di somme di denaro.

LEGGI ANCHE: Cliente cinese ripresa e ridicolizzata dall’addetto del supermercato VIDEO

L’allerta della Polizia Postale e delle Comunicazioni

Non è bastato l’utilizzo di connessioni telematiche anonime, la movimentazione dei profitti illeciti in conti accesi in diversi Paesi (oltre all’Italia, in Estonia, Regno Unito, Spagna e Germania) e l’utilizzo di wallet Bitcoin, per sfuggire alla misura cautelare in carcere che è stata eseguita dagli agenti con l’aiuto dei colleghi di Trieste che hanno fornito elementi utili alla localizzazione dell’indagato.  L’uomo, disoccupato, viveva esclusivamente delle estorsioni, soldi che poi spendeva in lussuosi viaggi all’estero. Il servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, invita i cittadini a non pagare alcuna forma di riscatto e a denunciar tempestivamente eventuali reati della stessa specie, anche se solo tentati.

LEGGI ANCHE: Rubano trattore e, braccati, lo abbandonano vicino alla casa della vittima

OPPURE TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia