Donazione d’organo a cuore fermo: esercito di chirurghi a lezione a Pavia

Pavia: chirurghi da tutt’Italia a lezione di prelievo d’organo da donatore a cuore fermo.

Donazione d’organo a cuore fermo: esercito di chirurghi a lezione a Pavia
Pavia, 16 Settembre 2018 ore 11:38

Pavia: chirurghi da tutt’Italia a lezione di prelievo d’organo da donatore a cuore fermo.

Donazione d’organo a cuore fermo

E’ il “5th International Workshop on DCD”: nelle precedenti edizioni era stato promosso esclusivamente a Londra, Parigi e Barcellona. Quest’anno , per la prima volta, si è tenuto in Italia, a Pavia e, forse, non a caso. La donazione d’organo a cuore fermo (Donation After Cardiac Death, DCD, appunto) è una metodica che in Italia, si è sviluppata presso il Policlinico San Matteo, diventando presto riferimento nazionale. L’evento si è tenuto ieri, 15 settembre, al Polo Scientifico Cravino dell’Università pavese.

La storia del San Matteo

“Esattamente 10 anni fa, al San Matteo, a settembre – ricorda Massimo Abelli, Responsabile della Chirurgia Generale Addominale e del Centro Trapianto di Rene del Policlinico, tra gli organizzatori dell’incontro – venivano eseguiti, con successo, per la prima volta in Italia, tre trapianti di rene prelevati a due donatori a cuore fermo. Questo avvenimento dava il via al Protocollo Alba che inseriva a pieno titolo e merito il nostro Paese nel novero delle nazioni in cui il programma era attivo”. La donazione a cuore fermo rappresenta una significativa possibilità per aumentare il numero dei trapianti e con buoni risultati clinici.  “I donatori a cuore fermo – spiega Marinella Zanierato, rianimatrice del San Matteo e Responsabile del Coordinamento Donazioni e Trapianti-  sono soggetti nei quali la morte per arresto cardiaco avviene in modo improvviso, solitamente in contesto extra-ospedaliero, e nei quali, dopo il trasporto in ospedale e dopo che ogni tentativo di rianimazione viene giudicato inutile, si procede alla interruzione delle manovre rianimatorie per un tempo adeguato alla determinazione della morte cardiaca”.

Primato nazionale

Significativo è il numero dei donatori DCD, ambito in cui il Policlinico mantiene e consolida una primato nazionale: 11 lo scorso anno, 8, l’anno precedente e 3 nel 2015. Una trentina gli organi trapiantati. La sopravvivenza del ricevente, ad 1 anno e a 5 anni è pari, rispettivamente, al 95% e al 87.5% ed è del tutto sovrapponibile a quella dei trapianti effettuati da donatore in morte cerebrale. Nel corso del work shop scientifico si è data l’opportunità a 40 medici di varie discipline, provenienti da tutta Italia, di cimentarsi nelle procedure che caratterizzano questa tipologia di donatori, utilizzando, tra l’altro, manichini speciali e sofisticate macchine per la conservazione/valutazione degli organi. “Tutto ciò è stato reso possibile – aggiunge Abelli –  grazie alla collaborazione con l’Hospital Clinic di Barcellona e il Queen Elizabeth Hospital di Birmingham che Il Centro trapianti di rene del San Matteo ha portato avanti in questi anni.

Leggi anche: Adotta un globulo rosso contro il tumore del sangue

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia