Diplomati tre nuovi cuochi contadini pavesi

Pavia terza in Lombardia per numero di agriturismi.

Diplomati tre nuovi cuochi contadini pavesi
Pavese, 12 Dicembre 2018 ore 14:57

Diplomati tre nuovi cuochi contadini pavesi: Pavia terza provincia in Lombardia per numero di agriturismi con strutture sparse tra Oltrepò, Lomellina e Pavese.

Diplomati tre nuovi cuochi contadini

Pavia è la terza provincia in Lombardia per numero di agriturismi, con 223 strutture sparse tra Oltrepo, Lomellina e Pavese. E’ quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti in occasione  della consegna degli attestati ai 14 nuovi agrichef lombardi, i cuochi contadini che hanno frequentato il corso di specializzazione organizzato da Terranostra Lombardia, l’associazione per gli agriturismi promossa da Coldiretti.

Tra i nuovi agrichef ci sono anche i pavesi Simona Canegallo di Montalto Pavese, Anna Bottone di Fortunagoe Francesco La Sorte di Canneto Pavese, che vanno ad aggiungersi a Cinzia Raimondi Cominesi di Garlasco, Davide Stocco di Zenevredo e Alessandra Formini di Val di Nizza già diplomatesi nel corso precedente. Nel percorso formativo appena concluso i cuochi contadini hanno potuto frequentare laboratori teorici e pratici dedicati a tecniche di cottura, presentazione delle ricette, valutazioni nutrizionali e abbinamenti enogastronomici. In totale sono oltre 40 i cuochi contadini lombardi, formati da Terranostra a partire dallo scorso anno.

3 foto Sfoglia la gallery

L’agrichef

Gli attestati sono stati consegnati a Milano da Massimo Grignani (Presidente Terranostra Lombardia) e dal Direttore di Coldiretti Lombardia Giovanni Benedetti, alla presenza del Segretario Nazionale di Terranostra Antonio De Amicis.

“La figura dell’agrichef – spiega Alberto Lucotti, Presidente di Terranostra Pavia – è espressione dell’impresa agricola e riveste un doppio ruolo: da un lato è agricoltore, dall’altro è promotore del territorio e del cibo tipico. L’obiettivo del corso di formazione era proprio quello di fornire ai partecipanti tutti gli strumenti utili ad unire e valorizzare la genuinità delle produzioni a Km zero con l’arte della cucina”.

Se la capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è la caratteristica più apprezzata – conclude la Coldiretti –, gli agriturismi hanno arricchito la propria offerta con servizi innovativi per amanti della natura e sportivi, con attività come il trekking, l’equitazione, o servizi dedicati agli amanti della cultura come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness.

LEGGI ANCHE: Duello gastronomico in Tv: Napoli sfida Pavia | La Prova del Cuoco 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia