"Una risposta importante"

Covid: in 49mila rispondono alla ricerca di infermieri e medici della Protezione Civile

Con l'obiettivo di far fronte all'emergenza sanitaria ancora in corso.

Covid: in 49mila rispondono alla ricerca di infermieri e medici della Protezione Civile
Pavia, 28 Ottobre 2020 ore 15:11

Sono ben 48.736 le candidature pervenute attraverso il sito del Dipartimento della Protezione Civile al bando per l’individuazione di 1500 unità tra personale medico e sanitario e di 500 addetti all’attività amministrativa da impiegare, su base territoriale, per rafforzare l’attività di ricerca e gestione dei contatti dei casi positivi (contact tracing).

Covid: in 49mila rispondono alla ricerca di medici e infermieri della Protezione Civile

“Si tratta di una risposta importante che dimostra, ancora una volta, il senso di responsabilità e partecipazione collettiva nell’affrontare l’emergenza – spiegano dalla Protezione Nazionale – Ai medici, gli infermieri, gli assistenti sanitari, i tecnici della prevenzione, agli studenti universitari in discipline infermieristiche e sanitarie e giovani diplomati che hanno offerto la propria disponibilità va la nostra gratitudine e quella di tutto il Paese”.

Il dettaglio delle candidature

Nel dettaglio, sono pervenute candidature da 9.282 medici, 2.717 infermieri, 1.982 assistenti, 8.210 studenti e 26.545 amministrativi. Complessivamente oltre il 60% delle candidature sono arrivate da donne, con punte di quasi il 75% tra gli studenti e del 70% tra gli infermieri.

Il Dipartimento provvederà a redigere un elenco su base regionale che sarà trasmesso alle Regioni e alle Province autonome, le quali, previa verifica dei requisiti, provvederanno al conferimento degli incarichi.

Il Ministro Boccia

“Ancora una volta il grande cuore degli italiani non si ferma dinanzi alle difficoltà. Dopo i bandi dei medici e degli infermieri della scorsa primavera, la Protezione Civile è stata inondata di candidature di cittadini che si rimboccano le maniche per aiutare il Paese –  ha commentato il ministro per gli Affari Regionali  Francesco Boccia – È l’Italia migliore, assieme a tutti coloro che in questo momento negli ospedali lavorano giorno e notte, silenziosamente, per proteggere la salute di tutti e difendere la vita. È l’Italia migliore che cerca ogni giorno di salvare tutta l’Italia”.

LEGGI ANCHE

Dopo Fracassi anche Riviezzi scrive a Conte: “Aiutare le categorie in difficoltà o l’Oltrepò si troverà in ginocchio”

TI POTREBBE INTERESSARE

Nuova ordinanza regionale per limitare i contagi: “Dobbiamo assolutamente piegare la curva epidemiologica”

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia