Tre punti di domanda

Cosa sappiamo sull'assessore leghista che ha sparato a un immigrato a Voghera

Il fatto che l'ex poliziotto portasse con sè un'arma carica è stato contestato pubblicamente, nella giornata di ieri, sul luogo del delitto.

Cosa sappiamo sull'assessore leghista che ha sparato a un immigrato a Voghera
Cronaca Voghera, 22 Luglio 2021 ore 17:48

Un caso ormai destinato ad andare oltre la cronaca, quello dell'assessore leghista alla Sicurezza Massimo Adriatici che nella tarda serata di martedì, 20 luglio 2021, a Voghera ha sparato in piazza Meardi, uccidendo un immigrato, il 39enne marocchino Youns El Boussetaoui.

Il caso di Voghera accende la polemica politica nazionale

Il leader del Carroccio Salvini lo difende a spada tratta e in tv ha ammonito: "Chiederete scusa a questo assessore", sposando la causa della legittima difesa.

Il segretario del Pd Letta invece esorta affinché nessuno si sostituisca alle Forze dell'ordine, cogliendo l'occasione per lanciare una campagna contro le armi private.

Eccesso colposo di legittima difesa: i tre punti di domanda

Il nodo della questione sarà:

  • accertare se il marocchino 39enne stava effettivamente infastidendo gli avventori ai tavolini del bar e in particolare una donna, che Adriatici avrebbe deciso di difendere;
  • confermare che, seppur disarmato, l'immigrato ha fisicamente aggredito l'assessore lanciandogli addosso una bottiglia di birra, poi colpendolo con almeno un pugno e poi con uno spintone;
  • verificare se la pistola dell'avvocato aveva già il colpo in canna o meno.

Questi tre elementi potranno portare il pm incaricato a confermare o meno l'ipotesi di reato: eccesso colposo di legittima difesa.

"L'assessore alla Sicurezza mi rende insicura"

Il gip ha ritenuto che il colpo sia partito in maniera involontaria, ma proprio il fatto che l'ex poliziotto portasse con sè un'arma carica è stato contestato pubblicamente, nella giornata di ieri, in particolare da una cittadina che, sul luogo del delitto (dov'è anche spuntato un cartello con la scritta: "Ti sia lieve almeno la terra, 'Mustà, perché la vita per Te non è stata lieve"), ha attaccato apertamente l'assessore-pistolero dichiarando ai tanti giornalisti presenti:

"Non mi sento sicura in una città dove l'assessore alla Sicurezza va in giro con un pistola e spara a una persona che aveva sofferenze psichiche".

Intanto, nel corso delle ore sono emersi alcuni dettagli circa la dinamica del fatto:

La sorella del marocchino ucciso a Voghera non perdona l'assessore-pistolero