Cronaca
LE USCA

Circa 1300 malati di Covid-19 in casa nel Pavese: medici a domicilio scendono in campo

Si chiamano Unità speciali di continuità assistenziale, ovvero Usca, istituite da Ats Pavia.

Circa 1300 malati di Covid-19 in casa nel Pavese: medici a domicilio scendono in campo
Cronaca Pavia, 08 Aprile 2020 ore 12:35

Il loro nome è Unità speciali di continuità assistenziale, ovvero Usca, e sono state istituite da Ats Pavia per curare i circa 1300 malati pavesi di Covid-19 in casa.

Le Usca

Si chiamano Unità speciali di continuità assistenziale, ovvero Usca, istituite da Ats Pavia. Da quattro diventeranno 7. Sono medici il cui compito è quello di garantire cure e controllo sui pazienti contagiati a domicilio. Gli operatori Usca lavorano, dalle 8 alle 20, su richiesta e indicazione del medico di famiglia dei pazienti.

Positivi a domicilio nel Pavese

Sono pazienti lievi, con sintomi che non necessitano assistenza ospedaliera: nel Pavese se ne registrano al momento circa 1.300. Si trovano a casa loro, in quarantena. L’obiettivo è seguirli e assisterli, se necessario, appunto, anche con l’intervento di un medico che li vada a trovare e li monitorizzi. Questo è il compito delle Usca. Le quattro Unità speciali adesso sono operative nei territori Chignolo Po, Belgioioso e Comuni vicini, Garlasco e Mortara città, Vigevano e vicinanze, Stradella e Comuni situati nel circondario.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Pavia e Provincia Eventi & News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Pavia (clicca "Mi piace" o "Segui" e imposta le notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia)

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter