Capannone in fiamme nella zona industriale di Trezzano

L'incendio è divampato poco prima delle sedici in una fabbrica che produce canapa.

Capannone in fiamme nella zona industriale di Trezzano
20 Settembre 2019 ore 18:38

(Immagine da Facebook)

Capannone in fiamme nella zona industriale di Trezzano

Capannone in fiamme nella zona industriale di Trezzano

Fiamme alte molti metri si sono alzate da un capannone di Via Edison, nella zona industriale di Trezzano sul Naviglio. L’azienda coinvolta è la Tree of Light, un’Azienda Florovivaista che si occupa della commercializzazione di Infiorescenze di Canapa.

Aggiornamento ore 18,30

I due fratelli feriti possiedono anche un altro capannone con la stessa produzione, poco distante da quello colpito dall’incendio odierno. Uno dei due fratelli ha dei piccoli precedenti. Gli inquirenti stanno indagando per verificare l’effettiva regolarità delle lavorazioni dell’azienda.

Aggiornamento ore 18,00

Violentissimo il colpo. Il bilancio parziale parla di due feriti trasportati in codice rosso uno a Niguarda e l’altro al San Gerardo; una terza persona è stata trasportata in codice giallo. Le operazioni di soccorso sono ancora in corso, con circa venti mezzi dei Vigili del Fuoco.

L’episodio

E’ stato il sindaco stesso ad avvisare la cittadinanza: “È in corso un incendio in via Edison 36. Sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco.”Mentre scriviamo è ancora in corso l’opera delle squadre di pompieri per domare le fiamme.

CLICCA QUI PER VEDERE LE FOTO

Le cause

E’ ancora presto per avere l’ufficialità. L’esplosione è avvenuta all’interno di un capannone di circa 100 mq, i più gravi sono due fratelli proprietari dell’azienda, i due più giovani, di 20 e 25 anni. L’incendio si è propagato in pochi istanti perché hanno preso fuoco delle bombolette di gas utilizzate per ricaricare dei gadget. Alcune di queste bombolette sono volate e hanno spaccato i vetri delle aziende vicine

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia