Cronaca
Commessi 39 crimini

Arrestati in due per furti in bar, tabacchi e sale slot: il filmato delle loro azioni criminali

I militari hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare nelle province di Milano, Pavia e Monza Brianza.

Cronaca Pavese, 21 Ottobre 2022 ore 11:09

Nel corso della mattinata di ieri i carabinieri hanno arrestato due criminali per aver commesso con cinque latitanti dei furti aggravati. Ecco il filmato con le immagini delle loro azioni:

 

Arrestati due membri della banda

L'ordinanza di custodia cautelare era stata emessa dal GIP del Tribunale di Milano anche in provincia di Pavia a carico di sette soggetti di nazionalità rumena. I carabinieri della Sezione Operativa del NOR della compagnia di Corsico insieme ai militari di Cornaredo hanno tratto in arresto due dei membri della banda.

I criminali mentre cercano di scassinare una porta
I criminali mentre cercano di scassinare una porta

Gli altri cinque al momento risultano irreperibili perché, ritenuti responsabili del reato di associazione finalizzata alla commissione di furti aggravati, sono scappati tornando nel loro paese di origine. I reati sono stati commessi nelle province di Milano, Novara, Verbania, Bergamo e altre.

Il provvedimento scaturisce da un'attività investigativa avviata nel mese di febbraio del 2022 a seguito di cinque furti commessi con lo stesso modus operandi in alcuni bar e tabaccherie del territorio milanese, a Cornaredo, nel mese di novembre 2021 e nella prima metà di gennaio 2022.

Traditi dal modus operandi

Dalle indagini condotte si è accertato che i due membri dell'associazione arrestati erano inseriti in un ampio gruppo criminale specializzato in furti e caratterizzato da una particolare professionalità e mobilità nelle aree di Milano e delle province limitrofe.

I criminali agivano con molta attenzione ma si sono traditi per via di un modus operanti dei furti sempre uguale. Da tempo ricorrevano a degli accurati escamotage per ostacolare le attività investigative della polizia giudiziaria. Tra le azioni preventive applicavano targhe rubate poco prima dei furti in modo tale da non essere rintracciati.

I crimini dell'associazione

Nel complesso le attività investigative hanno stabilito che gli indagati si erano macchiati di ben 39 episodi delittuosi. Si tratta di  14 furti commessi in bar, tabaccherie e sale slot dove venivano asportati tabacchi, gratta e vinci, soldi in contanti e slot machine con gettoniere.

Sono invece 16 i furti di targhe applicate sulle autovetture usate per i furti e hanno rubato in totale la bellezza di 9 veicoli per le loro attività. Il valore della refurtiva si aggira intorno al mezzo milione di euro, gli  arrestati si trovano ora presso il carcere di San Vittore.

 

Seguici sui nostri canali