Delitto di Garlasco

Alberto Stasi resta in carcere: respinta la richiesta di sospensione della pena

Per l'ammissibilità delle nuove prove si attende che i giudici si pronuncino, probabilmente a settembre.

Alberto Stasi resta in carcere: respinta la richiesta di sospensione della pena
Lomellina, 23 Luglio 2020 ore 12:15

Nessuna sospensione di pena per Alberto Stasi, riconosciuto colpevole dell’omicidio della fidanzata Chiara Poggi e per questo condannato a 16 anni di reclusione.

Stasi resta in carcere

La richiesta della difesa di Alberto Stasi di sospendere l’esecuzione della pena è stata respinta dalla Corte d’Appello di Brescia che, però, si prende altro tempo per valutare l’ammissibilità o meno dell’istanza di revisione. Ciò significa che i giudici, al momento, non si sono ancora espressi sulla fondatezza degli argomenti dell’avvocato di Stasi, Laura Panciroli.

Valutazione sull’ammissibilità delle nuove prove

Per ciò che concerne quindi l’ammissibilità delle nuove prove si attende che i giudici si pronuncino, probabilmente a settembre. La difesa del bocconiano ha proposto una rilettura dei fatti attraverso una simulazione di quanto dichiarato da una testimone che condurrebbe a una nuova interpretazione delle impronte sul dispenser del bagno della vittima e dei capelli trovati nel lavandino della villetta teatro del terribile omicidio.

TORNA ALLA HOME

 

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia