Al San Matteo eseguito eccezionale trapianto bi-polmonare

Undici ore di intervento, un’imponente equipe e una giovane vita da salvare.

Al San Matteo eseguito eccezionale trapianto bi-polmonare
Pavese, 26 Novembre 2019 ore 12:29

Realizzato al San Matteo un complesso trapianto bi-polmonare: undici ore di intervento, un’imponente equipe e una giovane vita da salvare.

Eseguito al San Matteo complesso trapianto bi-polmonare

Undici ore di intervento, un’imponente equipe e una giovane vita da salvare: sono i tasselli del delicatissimo e complesso trapianto bi-polmonare effettuato nelle scorse settimane al San Matteo.
A realizzarlo è stato Andrea Maria D’Armini, cardiochirurgo e responsabile della struttura semplice dipartimentale di cardiochirurgia – chirurgia cardiopolmonare e dell’ipertensione polmonare, con un’equipe chirurgica composta da altri due cardiochirurghi, Carlo Pellegrini e Pasquale Totaro, due anestesisti, Fiorenza Fava e Roberto Veronesi, con il supporto di due strumentisti, Daniele Coluccia e Massimiliano Ruggeri, due infermieri anestesisti, Eliana Debari e Romina Torchio, due perfusionisti, Fausto Martinelli e Vito Piscione, due infermieri, Giuseppe Cartafalsa e Silvano Cimieri. All’intervento hanno partecipato anche due medici specializzandi in formazione, Anna Giulia Carnabucci e Joyce Masiglat.

LEGGI ANCHE>> “All’età di 80 anni sono rinato grazie al professor Andrea Maria D’Armini”

La diagnosi

Al giovane paziente era stata diagnosticata a Mosca una ipertensione polmonare cronica tromboembolica, confermata anche a Berlino. Da qui, il consiglio del medico curante di rivolgersi al San Matteo di Pavia, per una conferma della diagnosi e una valutazione sulla possibilità di sottoporsi ad intervento di endoarteriectomia polmonare (EAP). In questo ambito, infatti, il Policlinico è un centro di riferimento sia a livello nazionale che internazionale.

Situazione compromessa

Al momento dell’arrivo a Pavia, “la situazione del paziente è molto compromessa” e la diagnosi che viene fatta dagli specialisti del San Matteo è ipertensione polmonare del gruppo 1 (vena occlusa), con una “sopravvivenza stimabile, per un paziente in queste condizioni, nell’ordine di poche settimane” come spiega D’Armini.

Il trapianto

L’unica strada percorribile era il trapianto bi-polmonare, eseguito “grazie al coordinamento del Centro Nazionale Trapianti e del Centro Regionale Trapianti, guidati rispettivamente da Massimo Cardillo e Giuseppe Piccolo – sottolinea il Direttore Sanitario Antonio Triarico”.

“Ci siamo trovati a gestire, da un punto di vista terapeutico, una diversa diagnosi rispetto a quella iniziale con cui il paziente ci è stato inviato – commenta il cardiochirurgo Andrea Maria D’Armini -. Portare a termine con successo un trapianto bi-polmonare in un paziente con ipertensione polmonare così avanzata è motivo di orgoglio per tutta l’equipe, che ha un’elevata competenza nella gestione di pazienti così delicati, proprio per la loro complessità diagnostica e terapeutica”.

“E’ un intervento eccezionale ma che, pur nella sua peculiarità, rientra in una casistica che è propria del San Matteo – dichiara il Direttore Sanitario -. Eventi come questi sono possibili grazie alle competenze professionali di una struttura ospedaliera, ma il punto di origine è sempre la donazione. Per questa ragione è importante sensibilizzare sempre di più sulla donazione degli organi per consentire di intervenire in situazioni critiche e dare speranza di vita ad altre persone”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia