Attualità
(H)Open Day Reumatologia

Al San Matteo un incontro aperto al pubblico per parlare di mal di schiena

“Se il mal di schiena ti tormenta…parlane con un reumatologo” è questo il titolo dell’iniziativa in cui si parlerà di lombalgia infiammatoria.

Al San Matteo un incontro aperto al pubblico per parlare di mal di schiena
Attualità Pavia, 18 Maggio 2022 ore 12:42

Al San Matteo torna l’(H)Open Day Reumatologia di Fondazione Onda: il 25 maggio incontro aperto al pubblico per parlare di mal di schiena

Un incontro aperto al pubblico per parlare di mal di schiena

Torna l’appuntamento con l’(H)Open Day Reumatologia, organizzato da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

Anche per questa edizione, la Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo ha aderito organizzando un incontro aperto alla popolazione che si terrà Mercoledì 25 maggio 2022, dalle ore 15.30 alle ore 17.00, nell’aula 3 del DEA.

Sarà possibile seguire l’evento anche da remoto utilizzando il seguente link.

“Se il mal di schiena ti tormenta…parlane con un reumatologo” è questo il titolo dell’iniziativa in cui si parlerà di lombalgia infiammatoria con la dottoressa Laura Bogliolo, la professoressa Serena Bugatti e il dottor Ludovico De Stefano, reumatologi del Policlinico San Matteo.

Il mal di schiena

Gli specialisti saranno a disposizione del pubblico per rispondere alle loro domande. Il focus di questo appuntamento, giunto alla sua seconda edizione, è il mal di schiena, un sintomo così diffuso e noto da essere spesso sottovalutato e non correttamente diagnosticato.

Si stima che il 20% della popolazione adulta soffra di mal di schiena "cronico"; può essere espressione di uno stato infiammatorio cronico che necessita una tempestiva valutazione specialistica reumatologica per un adeguato trattamento.

Quali sono i campanelli di allarme che devono indirizzare al Reumatologo per una diagnosi precoce e cruciale per impedire l’instaurarsi di gravi danni articolari ad alto impatto invalidante: dolori lombosacrali per oltre 3 mesi, tipicamente notturni, presenti a riposo o al risveglio e che si attenuano con il movimento.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter