Menu
Cerca
Progetto "Qua la zampa"

A Pavia i cani entrano in carcere per aiutare i detenuti nel percorso riabilitativo

Attualmente sono tre i detenuti che si occupano quotidianamente dei cani, e che frequentano regolarmente il corso di educatore cinofilo, usufruendo di un percorso in borsa lavoro.

A Pavia i cani entrano in carcere per aiutare i detenuti nel percorso riabilitativo
Attualità Pavia, 03 Giugno 2021 ore 18:20

Progetto "Qua la zampa": aiutare i detenuti nel percorso riabilitativo attraverso la costruzione di un rapporto affettivo con i cani.

A Pavia i cani entrano in carcere

Aiutare i detenuti nel loro percorso di recupero e imparare un nuovo mestiere per il futuro. Questi gli obiettivi dell’innovativo progetto “Qua la zampa”, fortemente voluto dal Direttore della Casa Circondariale di Pavia Stefania D'Agostino, dal direttore generale di ATS Pavia Mara Azzi e dall’ex garante provinciale dei detenuti Vanna Jahier, in collaborazione con la Scuola Cinofila “Il Biancospino” di Casteggio.

Presentato questa mattina presso la Casa Circondariale Torre del Gallo di Pavia, il progetto ha permesso la costruzione, nell’area dell’intercinta esterna dell’Istituto, di uno spazio di accoglienza stabile di due cani provenienti dal canile di Voghera e l’attivazione di un percorso di educazione cinofila per i detenuti, finalizzata all’ottenimento di un patentino di educatore.

Cura ed eduzione dei cani

Gli istruttori della scuola cinofila sono responsabili del percorso educativo che prevede un impegno quotidiano da parte dei detenuti nella cura ed educazione dei cani, mentre le cure veterinarie sono garantite dall’Area Veterinaria di ATS Pavia guidata dalla Dott.ssa Gabriella Gagnone. Attualmente sono tre i detenuti che si occupano quotidianamente dei cani, e che frequentano regolarmente il corso di educatore cinofilo, usufruendo di un percorso in borsa lavoro. Le competenze che acquisiranno durante il corso offriranno loro un’opportunità di impiego dopo la scarcerazione.

5 foto Sfoglia la gallery

Il progetto è finanziato da Fondazione Banca del Monte di Pavia e Fondazione UBI di Milano e promosso dall'Associazione di volontariato Amici della Mongolfiera di Pavia, che da anni collabora con la Casa Circondariale Torre del Gallo, attivando laboratori interculturali e servizi di assistenza per detenuti stranieri.