Altro
Campagna vaccinale

Terza dose vaccino, in Lombardia via alle prenotazioni per chi ha più di 18 anni

Dalla mattina di oggi (30 novembre) e in anticipo di un giorno rispetto al programma del Governo. Serve siano passati 150 giorni dalla seconda dose.

Terza dose vaccino, in Lombardia via alle prenotazioni per chi ha più di 18 anni
Altro Pavia, 30 Novembre 2021 ore 10:09

Terza dose vaccino anti Covid, in Lombardia aperte questa mattina le prenotazioni per chi ha più di 18 anni.

LEGGI ANCHE: Covid e Vaccinazioni, il professor Signorelli: "Dobbiamo accelerare sulla terza dose"

Terza dose vaccino, aperte le prenotazioni per chi ha più di 18 anni

In anticipo di 24 ore rispetto a quanto annunciato la scorsa settimana dal ministro Roberto Speranza, Regione Lombardia ha aperto già la mattina di oggi, martedì 30 novembre 2021, le prenotazioni per la terze dose di vaccino anti-Covid a tutti i maggiorenni. La prenotazione può essere effettuata QUI attraverso la piattaforma digitale, ma anche telefonando al calla center gratuito 800894545, tramite i Postamat o attraverso i portalettere.

Trascorsi almeno 150 giorni dalla seconda dose

Il requisito per poter accedere alla prenotazione, oltre a quello anagrafico, è che siano passati almeno 150 giorni (5 mesi) dalla somministrazione della seconda dose o della dose unica del vaccino Johnson & Johnson.

Quindi, i cittadini over 18 (compresi i nati nel 2003) che hanno già completato il ciclo vaccinale primario possono prenotare l’appuntamento per la dose booster (3° dose) di vaccino anti Covid-19, come previsto dalle circolari del Ministero della Salute 0053886-25/11/2021-DGPRE-DGPRE-P “Estensione della platea vaccinale destinataria della dose “booster” (di richiamo) nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19.

LEGGI ANCHE: Terza dose, in Lombardia potrà prenotarla chi ha fatto la seconda da 5 mesi

Per fasce di età

Se hai più di 40 anni e non riesci ad accedere alla prenotazione puoi utilizzare il pulsante "Richiedi Abilitazione" per procedere alla registrazione e richiedere l’inserimento dei tuoi dati. Ricorda di indicare la categoria di appartenenza, che stai prenotando una dose “booster” e i dati dell’ultima somministrazione ricevuta. Entro 24/48 ore dalla richiesta di registrazione potrai accedere alla piattaforma e procedere con la prenotazione della vaccinazione (3° dose).

Se hai tra i 39 e i 18 anni e non riesci ad accedere alla prenotazione con Codice Fiscale e Tessera Sanitaria a breve riceverai indicazioni per la registrazione dei tuoi dati.

Le dichiarazioni mendaci, la falsità nella formazione degli atti e l’uso di atti falsi comportano l’applicazione delle sanzioni penali previste dal DPR 445/2000.

LEGGI ANCHE: Obbligo vaccinale per docenti, il mondo della disabilità: "Rischiamo di rimanere senza insegnanti di sostegno"

Variante Omicron e terza dose

Sul tema della variante Omicron e dell'importanza della terza dose sono intervenuti ieri, lunedì 29 novembre 2021, gli esperti che hanno partecipato  "Stop ai dubbi", l'evento organizzato proprio dalla Regione.

"Per ora, sulla variante Omicron non abbiamo tante informazioni. Direi di fare attenzione, ma niente allarmismi. Aspettiamo i dati e non facciamoci prendere dal panico  - Sergio Abrignani, immunologo dell'Università Statale di Milano e membro del Cts Non sapendo ancora molto di questa variante, nel dubbio tutto ciò che tende a mitigare il rischio, va adottato".

Prudenza e moderato ottimismo anche da Andrea Gori, direttore Malattie Infettive del Policlinico di Milano: "Sappiamo ancora molto poco sul comportamento clinico della Omicron, ma dalle prime notizie non sembrerebbe sviluppare patologie gravi e questo è molto rassicurante".

A far sintesi sulla variante Omicron è il professor Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Istituto clinico Humanitas: "E' fondamentale vaccinarsi, fare la terza dose, perché come è successo in passato con altre varianti, abbiamo constatato che i vaccini ci hanno protetto. Quindi, lo ripeto, vacciniamoci. È il miglior modo per affrontare una eventuale nuova variante. Vaccinarsi significa, poi, mantenere in sicurezza il Sistema sanitario regionale e nazionale e poter trascorrere le feste natalizie con i nostri cari".

Seguici sui nostri canali