Glocal news
Ignobile fake news

La bambina morta per il vaccino cavalcata dai No vax in realtà non esiste

Un vero e proprio furto d'identità: sulla vicenda è al lavoro la Polizia Postale per individuare il responsabile.

La bambina morta per il vaccino cavalcata dai No vax in realtà non esiste
Glocal news 07 Dicembre 2021 ore 10:04

Avevano rubato da un docufilm la foto di una attrice-bambina di Castellamonte, Comune in provincia di Torino, montando poi la storia di una piccola morta per effetto del vaccino anti-Covid. Il No Vax, autore dell'ignobile gesto, è ancora sconosciuto, ma sulla vicenda, smascherata subito come fake news, è al lavoro la Polizia Postale.

La fake news della bambina morta dopo il vaccino

"E' ufficiale: è di Sesto al Reghena, in provincia di Pordenone, la prima bimba vittima di vaccino. Questo GOVERNO ASSASSINO deve pagare! ... e ovviamente i media TACCIONO. Giù le mani dai bambini!!!".

Queste le parole usate nel post incriminato, condiviso sui gruppi No-Vax di tutta Italia, nel quale è stata indebitamente utilizzata la fotografia di una bambina su cui poi è stata montata la storia della sua morte a causa del vaccino anti-Covid. Come raccontato da Prima Il Canavese, tutta la vicenda ha riguardato una fake news bella e buona.

La falsità del post, a cui è stata accompagnata l'immagine della piccola presa dal web, attrice della docustoria su Lidia Maksymowicz "La bambina che non sapeva odiare" (in copertina), è stata subito smascherata. E' stato lo stesso Comune di Sesto al Reghena a negare tutto: nel paese in provincia di Pordenone non esiste una bambina con quel nome.

Polizia Postale al lavoro per beccare il responsabile

Il caso ora è finito nelle mani della Polizia Postale. Gli agenti sono al lavoro per individuare il responsabile No Vax. L'immagine che ha accompagnato il post della fake news riguardava una bambina di Castellamonte, Comune in provincia di Torino. L'autore dell'ignobile gesto ora rischia grosso perché ha associato un'immagine ad una identità diversa al fine di diffondere false informazioni per promuovere la campagna No-Vax.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter